15.09.2017 Infrastrutture, Capelli: “interrogazione urgente su farsa ponte Oloè”

“Sulla surreale e incredibile vicenda del ponte di Oloè ho richiesto l’intervento del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio con un’interpellanza urgente presentata alla Camera. Per impegni del Ministro e dei Sottosegretari alle Infrastrutture l’interpellanza che si sarebbe dovuta discutere domani è stata rinviata ma ho notizia che il Ministero già nelle prossime ore farà conoscere le azioni che ha intenzione di intraprendere per arrivare ad una soluzione. Non è accettabile, infatti, in un Paese civile, buttare risorse per costruire ponti che alle prime piogge si sfaldano. Al danno per i cittadini, che restano isolati, si aggiunge la beffa di buttare i pochi fondi statali arrivati al nuorese”.
E’ quanto dichiara in una nota l’on. Roberto Capelli, deputato di Centro Democratico.
“La storia del ponte assomiglia alla tela di Penelope: quel che si fa di giorno, si disfa di notte. Se serve si realizzi una nuova opera. Il ponte di Oloè, – continua Capelli – ha subito danni gravissimi a fine 2013 a seguito di un ciclone, costato la vita all’agente di Polizia Luca Tanzi. Si sono spesi 2,9 milioni di euro per la sua parziale ricostruzione, salvo poi chiuderlo di nuovo per il maltempo. Poi è intervenuta la provincia di Nuoro, che nel giugno 2016 dopo una verifica tecnica ha consentito il transito dei mezzi solo per un carico ridotto per corsia e distanziati l’uno dall’altro, a condizione di frequenti ispezioni, in particolare dopo eventi climatici eccezionali. Ma già nel gennaio 2017 il ponte è stato nuovamente chiuso, ancora per un maltempo che ci si ostina a considerare eccezionale, ma che non lo è. E siamo andati avanti così fino ad oggi, tra chiusure e riaperture, quando a giugno la Procura di Nuoro è stata costretta a revocare la custodia del ponte al Sindaco di Oliena perché sono state rimosse e mai ripristinate le opere che ne impedivano l’accesso. Da allora l’accesso è sbarrato grazie all’intervento del Genio Militare. Di fatto ad oggi il ponte continua a rimanere chiuso, isolando cittadini, imprese e mezzi di soccorso”.
“A questo punto chiediamo al Ministro Delrio di assumere il ruolo di stimolo per giungere ad una soluzione concordata anche con la Giunta regionale sarda che, anche in questo caso, dimostra di essere lenta ed inefficace. Sarebbe doveroso, infine, che nelle more della costruzione del nuovo ponte – che andrebbe rapidamente finanziato – venga realizzato un “ponte militare” che ponga rimedio all’emergenza, anche con l’utilizzo dei fondi giacenti e non utilizzati, già destinati all’emergenza alluvionale, dell’amministrazione di Oliena.

 


 

Rassegna stampa

 

Ansa Sardegna: Ponte Oloè:entro settembre primi rilievi – Ministero Infrastrutture risponde a interrogazione Capelli (Cd)

 

 

Download (PDF, 152KB)

Download (PDF, 154KB)

Download (PDF, 153KB)